domenica 9 giugno 2013

Ratatouille

Quando il frigorifero sprigiona i mille colori dell'orto, da ziacatina e' momento di ratatouille. Ottimo sia come piatto di accompagnamento che come piatto unico, può essere gustato caldo o freddo .. in inverno ed in estate, la ratatuille ci avvolge sempre di un sapore meraviglioso!

Ingredienti:


  • Zucchina grande, 1
  • Melanzana piccola, 1
  • Peperone giallo piccolo, 1
  • Peperone rosso piccolo , 1     
  • Peperone verde piccolo, 1
  • Carote, 3
  • Cipolla di Tropea grossa, 1
  • Patate grandi, 2
  • Passata di pomodoro Mutti, 2 da 250 gr l'uno.  
  • Olio evo, qb
  • Sale, qb
  • Zucchero, 1 cucchiaino
Procedimento:

Lavare le verdure e tagliare a pezzettini grossolani la zucchina e la melanzana.
Private della buccia le patate, le carote e la cipolla e tagliare a rondelle le prime e a cubetti le seconde ed a pezzetti la cipolla.
Privare dei semi e dei filamenti i peperoni e tagliuzzare a pezzetti.

Far saltare con tre/quattro cucchiai di olio evo le cipolle. Unire le patate, le carote ed i peperoni.
Aggiungere le passate di pomodoro con due bicchieri di acqua tiepida e far andare il tutto per mezz'ora a fuoco moderato. Correggere di sale ed unire lo zucchero per limitare l'acidita' del pomodoro. Se necessario proseguire la cottura sino a quando le patate e le carote non saranno diventate morbide.

Servire la ratatouille calda o fredda a piacere con una fogliolina di basilico ed un goccio di olio evo.

Note e curiosità:


La parola ratatouille, dall'occitano "ratatolha", simile al francese "touiller" , significa "rimestare". 
La ratatouille era originariamente un piatto estivo di verdure fresche per contadini poveri. L'originale ratatouille niçoise non conteneva le melanzane essendo reperibili nello stesso periodo dell'anno altre verdure. Gli ingredienti originari della ratatouille tradizionale sono pomodori, zucchine, peperoni, cipolle ed aglio. 


E, per i grandi e piccini che ancora non l'hanno visto o lo rivedrebbero volentieri... Ratatouille, il cartone! Ogni volta che preparo questa delizia, il pensiero mio porta al buffo Remy, un ratto che ogni giorno rischia la sua vita in un costoso ristorante francese, sia a causa del suo amore per il buon cibo che per il desiderio, del tutto impossibile per un ratto, di diventare un giorno chef. Tuttavia la grande opportunita' arriva quando Linguini, uno sguattero tuttofare, trova in Remy un amico e soprattutto un valido partner in cucina…